domenica 17 febbraio 2019, dal libro dei Salmi:
A te, Signore, elevo l'anima mia.

Nel mese dedicato alla forza dello Spirito Santo dedichiamo questo giorno a nostro Signore
 
       

~ ...sulla misericordia           ~ ...sulla speranza           ~ il cuore del mondo di hans urs...           ~ 10 aprile 1988-2018

       

Quando sei...

...triste: Giovanni 14
...abbandonato: Salmo 27
...convinto di peccato: Salmo 51
...preoccupato: Matteo 6, 19-34
...in pericolo: Salmo 91
...sconsolato: Salmo 34
...solo: Salmo 139
...in dubbio: Giovanni 7, 17
...nel timore: Salmo 23
...scoraggiato: Isaia 40
...tentato: Matteo 4

Quando hai bisogno...

...d'incoraggiamento: Salmo 103
...di fede: Ebrei 11
...di speranza: Salmo 90
...di conforto: Romani 8, 31-39
...di forza: Giosuè 1
...di riposo: Matteo 11, 25-30
...di pace: Giovanni 14, 27
...di sicurezza: Romani 8, 1-30
...di gioia: Colossesi: 3, 12-17
...d'affetto: Giovanni 15, 13-17
...di entusiasmo: Salmo 67

Se sei...

...in crisi: Proverbi 8
...in lotta: Efesini 6
...impaziente: Ebrei 12
...solitario: I Corinzi 15
...malato: Isaia 26

archivio

a.d. 2012

a.d.2013

a.d.2014

a.d.2015

a.d.2016

a.d.2017

a.d.2018

a.d. 2019

 

 

 

febbraio con sant'agostino

 


catechesi sul padre nostro

1. insegnaci a pregare
2. una preghiera che chiede con fiducia
3. al centro del discorso della montagna
4. bussate e vi sarà aperto
5. abbà, padre
6. padre di tutti noi

francesco, dal 5 dicembre 2018...


 

gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date

francesco, 11 febbraio 2019

 

Anche se cerchiamo di ignorarlo, la schiavitù non è qualcosa di altri tempi. Di fronte a questa realtà tragica, nessuno può lavarsi le mani se non vuole essere, in qualche modo, complice di questo crimine contro l’umanità. Non possiamo ignorare che oggi esiste la schiavitù nel mondo, tanto o forse più di prima. Preghiamo per l’accoglienza generosa delle vittime della tratta delle persone, della prostituzione forzata e della violenza.

francesco, 7 febbraio 2019

 

qui e ora possiamo gustare la salvezza

La Lettera agli Ebrei consiglia ai credenti di perseverare «tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento». Molto interessante questo suggerimento: da una parte la perseveranza dello sguardo e dall’altra la consapevolezza che la grazia non viene dalla perseveranza ma dalla grazia. Quindi: mantenere viva e attenta l’attenzione su Cristo è opera dell’uomo! Il desiderio e l’amore per Gesù sono preliminari necessari alla ricezione della salvezza… Tuttavia, è evidente come il compimento della fede è opera di Gesù! Noi possiamo cercare, indagare, desiderare, camminare, ma il traguardo non sarà una nostra conquista ma un dono gratuito di Dio! Spesso Dio ci riempie dei suoi doni ma siamo talmente occupati da noi stessi e dalle nostre opere da non accorgerci della sua… Non è corretto pensare che la luce e la comprensione della verità sarà solo al termine della nostra vita terrena, quando chiuderemo gli occhi e contempleremo la vita oltre la cortina della morte! La verità ci può tranquillamente raggiungere qui e ora! È bellissima questa cosa: ci dispone ad essere più attenti a quanto ci accade piuttosto che a quanto noi facciamo accadere… Quando daremo il giusto peso a Dio e a noi stessi sarà una sorpresa unica!

natalino pedrana, 5 febbraio 2019

 

fratellanza umana
per la pace mondiale e la convivenza comune

francesco e ahmad al-tayyeb, 4 febbraio 2019

 

 

Voi giovani avete nella Vergine Maria un motivo di gioia e una fonte di ispirazione. Approfittate della Giornata Mondiale della Gioventù di Panama per contemplare Cristo con Maria. Ciascuno nella sua lingua, recitiamo il Rosario per la pace. E chiedetele la forza di sognare e di lavorare per la pace. Preghiamo per i giovani, specialmente quelli dell’America Latina, perché, seguendo l’esempio di Maria, rispondano alla chiamata del Signore per comunicare al mondo la gioia del Vangelo.

francesco, 8 gennaio 2019

 

lo spirito e la carne

Festeggiamo il compleanno il giorno in cui siamo nati ma la nostra vera nascita è il battesimo… festeggiamo l'inizio del nuovo anno il primo di gennaio ma l'anno liturgico inizia la prima domenica di avvento… «Siamo nel mondo ma non del mondo»! È proprio così: viviamo una sorta di tensione continua… non sappiamo bene se siamo fatti solo di carne o solo di spirito… In realtà, siamo fatti dell'uno e dell'altro e, l'incarnazione, ci dice proprio che le due dimensioni devono essere necessariamente tenute assieme! La carne ha bisogno dello spirito e lo spirito ha bisogno della carne: solo così siamo veramente uomini! Da cristiani siamo chiamati a ricordare la vocazione trascendente della storia: il tempo non è un ciclico ripetersi di stagioni ma è il progressivo diventare una cosa sola in Cristo! Il senso della storia è la comunione! Solo se operiamo nella direzione dell'unità e della fraternità lavoriamo secondo la mente di Dio… Alla fine dei festeggiamenti di questa notte ci dobbiamo chiedere: abbiamo fatto crescere la comunione? Oppure abbiamo solo consumato un po' di tempo e di risorse e siamo rimasti identici a prima? Il conservare le cose nel cuore di Maria deve diventare sempre più il nostro stile di vita…

natalino pedrana, 1 gennaio 2019

 

la buona politica è al servizio della pace

francesco, 1 gennaio 2019

in preghiera

...su Maria

...sulla fede

...sulla misericordia

catechismo della chiesa cattolica

concilio vaticano ii

padre ermes ronchi

sant'agostino d'ippona

deus caritas est
(25 dicembre 2005)

spe salvi
(30 novembre 2007)

caritas in veritate
(29 giugno 2009)

 

lumen fidei
(29 giugno 2013)

evangelii gaudium
(24 novembre 2013)

laudato si'
(18 giugno 2015)

gaudete et exultate
(19 marzo 2018)