banner dei riflessi di lago


       
mercoledì 13 dicembre 2017, dal vangelo di Giovanni e dalle parole di Giovanni Paolo II:
Io non posso far nulla da me stesso; giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

Nel mese dedicato all'attesa e alla nascita di nostro Signore una preghiera alla Mamma Celeste
 
Riflessi di lago, specchio di un'anima
       

       
 

Mio grande Cuore,
i misteri della corona di rose
che dedichiamo alla Mamma Celeste,
Madre Tua dolcissima
e Madre nostra,
nascono dalla Tua Parola
che in Lei Ti sei fatto carne:
in questo tempo
desidero la grazia
di leggerTi nella Parola
e di farTi riposare
nel mio piccolo cuore,
affinché Ti incontri
con le mie miserie
e le mie ricchezze,
ed io mi possa unire in unica cosa
con la Volontà
del Padre nostro
che è nei cieli...

con tutto il mio piccolo cuore,
miriam bolfissimo

       

       
       

In cammino a Maria

E sarà preghiera

ogni passo

sarà preghiera

ogni sosta

 

sarà preghiera

ogni grana

della santa corona

avvolta alla mano

 

sarà preghiera

ogni ave e ogni santa

mormorata, cantata,

anche solo pensata

 

e sarà preghiera

ringraziare il cielo

d'esserTi nel cuore

e d'averTi incontrata...

per la Mamma Celeste anno Domini 2004

Santa Maria dei Marsi

Due braccia aperte

a dire: Andate voi, ora vi tocca

che anche seminar sassi

prende valore

all'ombra del Tuo manto

ed è come seminar pietre preziose

che sono il peso di ogni fratello

che s'è sparso di dolore, chissà dove...

perché qui non c'è solo

manto santo di Madonna

ma anche di cielo immenso e di forte vento

e manto santo di quel Dio che tutto può e ama

qui, a Santa Maria dei Marsi.

 

Due braccia aperte

accolgono il pensiero

e lo rimandano al roseto, là sotto:

che fare...

forse come le rose e profumare,

specie la sera quando s'attarda il sole

ma la notte è vicina e il sonno potrebbe

non svanire al nuovo giorno

sbocciare, specie al mattino

quando c'è bisogno di lasciare un'orma nel cammino

per chi ci segue, per noi se vogliamo tornare

portare foglie e spine con ugual fierezza

senza nascondere le une sotto le altre

che la vita è gioia e dolore insieme

due braccia aperte

a dire: Come le rose

qui, a Santa Maria dei Marsi.

per la Mamma Celeste anno Domini 2004

       
       
       
       
       
       

miriam bolfissimo